Torna a Eventi FPA

partner

IFEL - FONDAZIONE ANCI


E' partner di

martedì, 18 Maggio 2010

10:00
10:50

Finanza di Progetto e produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili[lab.62a]

A seguito della Legge 99/2009, i Comuni sono espressamente legittimati a concedere a terzi aree appartenenti al proprio patrimonio indisponibile ai fini dell’istallazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Le disposizioni che disciplinano il riconoscimento degli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili riconoscono incentivi premiali qualora il soggetto responsabile dell’impianto sia un soggetto pubblico. Un trattamento migliore è riconosciuto ai piccoli Comuni. Scopo della pillola è illustrare percorsi e meccanismi attraverso i quali i Comuni grandi e piccoli possono avvalersi degli strumenti indicati.

martedì, 18 Maggio 2010

10:00
10:50

Finanza di Progetto e produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili[lab.62b]

A seguito della Legge 99/2009, i Comuni sono espressamente legittimati a concedere a terzi aree appartenenti al proprio patrimonio indisponibile ai fini dell’istallazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Le disposizioni che disciplinano il riconoscimento degli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili riconoscono incentivi premiali qualora il soggetto responsabile dell’impianto sia un soggetto pubblico. Un trattamento migliore è riconosciuto ai piccoli Comuni. Scopo della pillola è illustrare percorsi e meccanismi attraverso i quali i Comuni grandi e piccoli possono avvalersi degli strumenti indicati.

martedì, 18 Maggio 2010

11:00
12:00

I fondi immobiliari come strumento operativo degli enti pubblici locali[lab.66a]

I fondi comuni di investimento – patrimoni autonomi, suddivisi in quote, di pertinenza di una pluralità di partecipanti – hanno rappresentato e rappresentano un utile strumento per le attività da porsi in essere da parte degli enti locali nel settore immobiliare, sia sotto il profilo della valorizzazione/dismissione che sotto quello dello sviluppo. Peraltro, tale strumento potrebbe assumere ulteriore rilievo alla luce dell’attuazione del federalismo demaniale che potrebbe portare al trasferimento agli enti locali di immobili presenti nei rispettivi territori.

Premessi brevi cenni sulla normativa primaria e secondaria applicabile ai fondi e sulle modalità di funzionamento degli stessi, l’intervento si svilupperà nell’individuazione delle possibili applicazioni concrete che lo strumento del fondo immobiliare può avere nell’ottica degli enti locali. In particolare, si affronterà la tematica dei fondi immobiliari quali strumento di valorizzazione e dismissione dei beni immobiliari preesistenti nel patrimonio degli enti ovvero confluiti in attuazione del c.d. federalismo demaniale; tale tematica sarà affrontata anche sulla scorta di alcune esperienze concrete già realizzate da enti locali (e.g. il Fondo Comune di Milano, il Fondo Comune di Venezia). Si affronterà, inoltre, la tematica dei fondi immobiliari quale strumento di sviluppo del territorio nell’ottica di fornire un servizio sociale al territorio di riferimento (housing sociale, social services investment fund).

martedì, 18 Maggio 2010

14:00
14:50

Finanza di progetto e risparmio energetico[lab.67]

La Direttiva 2006/32/CE assegna al settore pubblico un ruolo strategico nella promozione dell'efficienza energetica in vista dell'obiettivo di una riduzione dei consumi del 10% entro il 2016.

In Italia il decreto di recepimento della Direttiva (decreto legislativo 30 maggio 2008, n. 115) impone alle Pubbliche Amministrazioni l'obbligo di conseguire l’efficienza energetica utilizzando allo scopo strumenti finanziari e  redigendo diagnosi e certificazioni energetiche degli edifici pubblici.

Più in dettaglio, lo strumento che può consentire alle Pubbliche Amministrazioni di conseguire un effettivo efficientamento energetico senza impiego di risorse di bilancio è il Finanziamento Tramite Terzi già previsto dalla Direttiva 93/76/CEE, nonchè da numerosi Piani Energetici Regionali.

Scopo della presente pillola formativa è offrire delle soluzioni per l’affidamento a terzi, tramite lo strumento del project finance, tutte le attività tese all’assolvimento dell’obbligo suddetto.

martedì, 18 Maggio 2010

15:00
16:00

I fondi immobiliari come strumento operativo degli enti pubblici locali[lab.66b]

I fondi comuni di investimento – patrimoni autonomi, suddivisi in quote, di pertinenza di una pluralità di partecipanti – hanno rappresentato e rappresentano un utile strumento per le attività da porsi in essere da parte degli enti locali nel settore immobiliare, sia sotto il profilo della valorizzazione/dismissione che sotto quello dello sviluppo. Peraltro, tale strumento potrebbe assumere ulteriore rilievo alla luce dell’attuazione del federalismo demaniale che potrebbe portare al trasferimento agli enti locali di immobili presenti nei rispettivi territori.

Premessi brevi cenni sulla normativa primaria e secondaria applicabile ai fondi e sulle modalità di funzionamento degli stessi, l’intervento si svilupperà nell’individuazione delle possibili applicazioni concrete che lo strumento del fondo immobiliare può avere nell’ottica degli enti locali. In particolare, si affronterà la tematica dei fondi immobiliari quali strumento di valorizzazione e dismissione dei beni immobiliari preesistenti nel patrimonio degli enti ovvero confluiti in attuazione del c.d. federalismo demaniale; tale tematica sarà affrontata anche sulla scorta di alcune esperienze concrete già realizzate da enti locali (e.g. il Fondo Comune di Milano, il Fondo Comune di Venezia). Si affronterà, inoltre, la tematica dei fondi immobiliari quale strumento di sviluppo del territorio nell’ottica di fornire un servizio sociale al territorio di riferimento (housing sociale, social services investment fund).

mercoledì, 19 Maggio 2010

10:00
10:50

Obiettivo Patrimonio Immobiliare[lab.63a]

Il patrimonio immobiliare dei Comuni rappresenta una risorsa fondamentale, soprattutto in questo delicato contesto congiunturale, in cui i vincoli del Patto di stabilità interno impediscono di fatto di impiegare risorse da destinare allo sviluppo infrastrutturale. Il servizio “Obiettivo Patrimonio Immobiliare” fornito da Ifel è  stato pensato per i Comuni e fornisce supporto a ciascuna Amministrazione in base alle proprie specifiche necessità in tema di Patrimonio Immobiliare. A tal fine il Progetto è stato strutturato in modo da prevedere un modello di processo che, partendo dal censimento iniziale dei beni e passando per la fase di analisi e interpretazione dei dati raccolti mediante il censimento, giunge all’attuazione delle diverse scelte strategiche potenzialmente attuabili. Tale percorso ideale consente alla singola amministrazione di gestire al meglio il proprio patrimonio e di pervenire ad una reale conoscenza dell’entità dei propri beni permettendole di effettuare scelte mirate che vanno dalla valorizzazione alla dismissione dei beni immobili.

mercoledì, 19 Maggio 2010

11:00
12:00

Tarsu/Tia: regime normativo del prelievo sullo smaltimento dei rifiuti[lab.65a]

La normativa riguardante il corrispettivo per la gestione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani e assimilati, ha  nel corso degli ultimi anni modifiche e integrazioni.

Da ultimo, la sentenza della Corte Costituzionale n.238/2009 con cui è stata sancita la natura tributaria della tariffa di igiene ambientale prevista dal D. Lgs. 22/97, ha posto ai Comuni e ai soggetti gestori numerosi problemi pratici da affrontare in tempi ristretti. L’obiettivo di questo breve intervento è quello di rappresentare ai Comuni le soluzioni per gestire la fase transitoria, fino all’entrata in vigore del nuovo regime normativo.

mercoledì, 19 Maggio 2010

14:00
14:50

Obiettivo Patrimonio Immobiliare[lab.63b]

Il patrimonio immobiliare dei Comuni rappresenta una risorsa fondamentale, soprattutto in questo delicato contesto congiunturale, in cui i vincoli del Patto di stabilità interno impediscono di fatto di impiegare risorse da destinare allo sviluppo infrastrutturale. Il servizio “Obiettivo Patrimonio Immobiliare”fornito da Ifel è  stato pensato per i Comuni e fornisce supporto a ciascuna Amministrazione in base alle proprie specifiche necessità in tema di Patrimonio Immobiliare. A tal fine il Progetto è stato strutturato in modo da prevedere un modello di processo che, partendo dal censimento iniziale dei beni e passando per la fase di analisi e interpretazione dei dati raccolti mediante il censimento, giunge all’attuazione delle diverse scelte strategiche potenzialmente attuabili. Tale percorso ideale consente alla singola amministrazione di gestire al meglio il proprio patrimonio e di pervenire ad una reale conoscenza dell’entità dei propri beni permettendole di effettuare scelte mirate che vanno dalla valorizzazione alla dismissione dei beni immobili.

mercoledì, 19 Maggio 2010

15:00
16:00

Tarsu/Tia: regime normativo del prelievo sullo smaltimento dei rifiuti[lab.65b]

La normativa riguardante il corrispettivo per la gestione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani e assimilati, ha  nel corso degli ultimi anni modifiche e integrazioni.

Da ultimo, la sentenza della Corte Costituzionale n.238/2009 con cui è stata sancita la natura tributaria della tariffa di igiene ambientale prevista dal D. Lgs. 22/97, ha posto ai Comuni e ai soggetti gestori numerosi problemi pratici da affrontare in tempi ristretti. L’obiettivo di questo breve intervento è quello di rappresentare ai Comuni le soluzioni per gestire la fase transitoria, fino all’entrata in vigore del nuovo regime normativo.

giovedì, 20 Maggio 2010

10:00
10:50

La partecipazione dei Comuni nelle attività di contrasto all'evasione fiscale[lab.61]

Obiettivo dell'iniziativa è quello di promuovere la conoscenza degli strumenti utili a potenziare la collaborazione tra Comuni e Amministrazione Finanziaria nelle attività di accertamento dei tributi erariali; una più profonda sinergia in questo tema rappresenta infatti una prima applicazione di quanto previsto nella Legge delega per l’attuazione del federalismo fiscale ed assume un significato strategico nell'ottica di migliorare il presidio delle basi imponibili da cui dipenderà una parte importante dell’autonomia impositiva dei Comuni e di integrare il patrimonio informativo delle Pubbliche Amministrazioni, centrali e locali.

L'incontro sarà anche occasione per illustrare i principali contenuti del Protocollo d'intesa stipulato tra ANCI, IFEL e AdE, volto a garantire uniformità di applicazione della normativa su tutto il territorio, rendere disponibili strumenti formativi presso tutti i comuni ed assicurare il costante monitoraggio dei risultati

giovedì, 20 Maggio 2010

11:00
12:00

SU.PER.GA - Progetto di Supporto per la Gestione Associata di servizi e funzioni comunali[lab.64]

Il Progetto SU.PER.G.A. si propone di fornire ai piccoli Comuni supporto tecnico nella realizzazione di progetti per la gestione associata di funzioni e servizi intercomunali, in una logica di associazionismo intercomunale, al fine di garantire una gestione più efficiente ed efficace delle funzioni e dei servizi pubblici locali.

Il servizio è gestito operativamente dall’Ufficio Formazione & Servizi dell’IFEL-Fondazione ANCI, in raccordo con il Dipartimento ANCI per Piccoli Comuni e Unioni, ed è fornito gratuitamente ai Comuni associati all’ANCI.

Torna alla lista dei Partner