Torna a Eventi FPA

partner

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI - CASA DEL WELFARE

Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali svolge le funzioni e i compiti spettanti allo Stato in materia di politica del lavoro e sviluppo dell’occupazione, di tutela del lavoro e dell’adeguatezza del sistema previdenziale e di politiche sociali, con particolare riferimento alla prevenzione e riduzione delle condizioni di bisogno e disagio delle persone e delle famiglie.

Nel corso del 2016 il Ministero avrà un nuovo assetto organizzativo derivante dall’attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183 - nota come Jobs Act  –  che vede il concretizzarsi dell’Agenzia Nazionale per le politiche attive del lavoro – ANPAL-  che coordinerà i servizi per l’impiego, e l’Agenzia per l’Ispettorato nazionale del lavoro - ISPETTORATO - che si occuperà in maniera unitaria della vigilanza in materia di lavoro, della contribuzione e dell’assicurazione obbligatoria.

Con riferimento alle costituende Agenzie, il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, svolgendo il ruolo di coordinamento, fisserà le linee di indirizzo triennali e gli obiettivi annuali in materia di tutela del lavoro e di politiche attive e definirà i livelli minimi che le prestazioni devono avere su tutto il territorio nazionale.

Controllerà, quindi, il rispetto dei livelli essenziali delle prestazioni su tutto il territorio nazionale e monitorerà le politiche.

Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali partecipa alle più importanti manifestazioni fieristiche con lo stand istituzionale Casa del Welfare (finanziato dal Fondo Sociale Europeo) condiviso con gli Enti vigilati (Inps, Covip, Inail) e le Agenzie Tecniche (Italia Lavoro e Isfol), successivamente anche con le costituende Agenzie ANPAL e ISPETTORATO, per rendere completa l’informazione sul funzionamento del sistema del welfare in Italia.

 


E' partner di

lunedì, 17 Maggio 2010

12:00
12:50

Il Documento Unico di Regolarità Contributiva: problemi applicativi[w.58a]

La certificazione della regolarità contributiva ha assunto, nel corso degli ultimi anni, importanza fondamentale per la regolare partecipazione alle gare di appalto e per lo svolgimento del contratto stesso nonché per la fruizione dei benefici contributivi. La relativa disciplina ne definisce compiutamente l’ambito di applicazione ma non sempre risulta utile ai fini della soluzione delle problematiche applicative, le quali sono, invece, debitamente affrontate dal Ministero del Lavoro in apposite circolari o in sede di risposta ad istanze di interpello.

Si coglie l’occasione per offrire ai partecipanti del Forum un aggiornamento tecnico e operativo in materia di DURC, oggetto di costante evoluzione applicativa.

lunedì, 17 Maggio 2010

13:30
14:20

Le principali innovazioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro introdotte dal D.Lgs. n. 81/2008 e successive modificazioni ed integrazioni[w.57a]

Con il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, come noto in vigore dal 15 maggio 2008, e con il successivo decreto legislativo 3 agosto 2009, n. 106 “Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, inmateria di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro” in vigore dal 20 agosto 2009 si è data completa e definitiva attuazione alla delega concessa dal Parlamento al Governo ad adottare uno o più decreti legislativi per il riassetto e la riforma delle disposizioni vigenti in materia di salute e sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

Il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 non è però un semplice riassetto normativo ma contiene diversi elementi di novità previsti dai princìpi e criteri direttivi generali contenuti nell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007 (legge delega) che, sinteticamente, qui di seguito si riportano:

  • applicazione della normativa in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro a tutti i lavoratori e lavoratrici, autonomi e subordinati, nonché ai soggetti ad essi equiparati;
  • adeguate e specifiche misure di tutela per i lavoratori autonomi;
  • rivisitazione e potenziamento delle funzioni degli organismi paritetici;
  • previsione di un sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi;
  • promozione della cultura e delle azioni di prevenzione la promozione e la divulgazione della cultura della salute e della sicurezza sul lavoro all’interno dell’attività scolastica ed universitaria e nei percorsi di formazione;
  • revisione della normativa in materia di appalti;

introduzione dello strumento dell’interpello.

martedì, 18 Maggio 2010

10:00
10:50

Il procedimento sanzionatorio amministrativo (legge 689/81): dall’ispezione alla cartella esattoriale[lab.109]

La verifica ispettiva e gli atti dell’ispezione. L’ordinanza di ingiunzione irrogativa di sanzioni amministrative e ordinanza di archiviazione. Ricorsi amministrativi avverso i verbali di accertamento ed avverso l’ordinanza ingiunzione ( art 18 L689/81 e 16 e 17 Dlgs n° 124/04). Ricorsi giurisdizionali avverso  l’ordinanza ingiunzione (art 23 e segg L n° 689/81). Cartella esattoriale e modalità di ricorso giurisdizionale.

martedì, 18 Maggio 2010

13:30
14:20

La valutazione dei rischi stress lavoro-correlato nella P.A.[lab.91]

L’attività comporterà l’illustrazione dei criteri da adottare per l’elaborazione della valutazione del rischio concernente lo stress. In particolare si provvederà a fornire  una  proposta operativa per l’esecuzione di una corretta valutazione del rischio stress lavoro correlato secondo quanto previsto dall’art.17 e dall’art. 28 del Dlgs 81/2008. Previo un  veloce richiamo dei concetti generali relativi al rischio da stress lavoro-correlato si prenderanno  in considerazione alcune problematiche metodologiche connesse alla valutazione e si valuteranno gli elementi ritenuti utili per una sua analisi finalizzata alla progettazione di interventi preventivi. Verrà  quindi proposto un percorso valutativo gestibile dai soggetti della prevenzione aziendale utilizzando strumenti di indagine relativamente semplici attraverso l’analisi  dei  vari elementi che concorrono all’identificazione del rischio  fra cui le caratteristiche dell’azienda, le sue dimensioni, la tipologia delle attività e l’importanza degli elementi di rischio individuando quali azioni è necessario intraprendere.

martedì, 18 Maggio 2010

14:30
15:20

Il Documento Unico di Regolarità Contributiva: problemi applicativi[w.58b]

La certificazione della regolarità contributiva ha assunto, nel corso degli ultimi anni, importanza fondamentale per la regolare partecipazione alle gare di appalto e per lo svolgimento del contratto stesso nonché per la fruizione dei benefici contributivi. La relativa disciplina ne definisce compiutamente l’ambito di applicazione ma non sempre risulta utile ai fini della soluzione delle problematiche applicative, le quali sono, invece, debitamente affrontate dal Ministero del Lavoro in apposite circolari o in sede di risposta ad istanze di interpello.

Si coglie l’occasione per offrire ai partecipanti del Forum un aggiornamento tecnico e operativo in materia di DURC, oggetto di costante evoluzione applicativa.

martedì, 18 Maggio 2010

15:30
16:20

Le principali innovazioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro introdotte dal D.Lgs. n. 81/2008 e successive modificazioni ed integrazioni[w.57b]

Con il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, come noto in vigore dal 15 maggio 2008, e con il successivo decreto legislativo 3 agosto 2009, n. 106 “Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, inmateria di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro” in vigore dal 20 agosto 2009 si è data completa e definitiva attuazione alla delega concessa dal Parlamento al Governo ad adottare uno o più decreti legislativi per il riassetto e la riforma delle disposizioni vigenti in materia di salute e sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

Il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 non è però un semplice riassetto normativo ma contiene diversi elementi di novità previsti dai princìpi e criteri direttivi generali contenuti nell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007 (legge delega) che, sinteticamente, qui di seguito si riportano:

  • applicazione della normativa in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro a tutti i lavoratori e lavoratrici, autonomi e subordinati, nonché ai soggetti ad essi equiparati;
  • adeguate e specifiche misure di tutela per i lavoratori autonomi;
  • rivisitazione e potenziamento delle funzioni degli organismi paritetici;
  • previsione di un sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi;
  • promozione della cultura e delle azioni di prevenzione la promozione e la divulgazione della cultura della salute e della sicurezza sul lavoro all’interno dell’attività scolastica ed universitaria e nei percorsi di formazione;
  • revisione della normativa in materia di appalti;

introduzione dello strumento dell’interpello.

mercoledì, 19 Maggio 2010

mercoledì, 19 Maggio 2010

13:00
14:50

Stato e Impresa Sociale: un modello per uscire dalla crisi[lab.112]

 

  • L’Impresa sociale c’è : D.LGS: 155/06. 4 decreti attuativi conclusi nel 2008

 

  • Mancato “decollo” dell’Impresa Sociale: solo 600 imprese sociali ad oggi. Perché ?
  1. Problema culturale: sintesi tra non profit e profit non ancora “metabolizzato”
  2. Problema comunicativo che a quello culturale è connesso: non sono ancora percepite profondamente le opportunità e le potenzialità

 

PERCHE’ vogliamo investire sull’impresa sociale?

  • Ottemperando alla decisione del Parlamento Europeo del Febbraio 2009
  • Perché una organizzazione che ha come obiettivo l’utilità sociale e gestita come un’impresa da maggiore garanzie di stabilità.

mercoledì, 19 Maggio 2010

13:30
14:20

L’attività ispettiva alla luce delle recenti novità normative[lab.99]

Tenuto conto del breve lasso di tempo a disposizione e di avere di fronte una platea composta da “non addetti ai lavori”, è opportuno riuscire ad esprimere in una sintesi i concetti più importanti e le fasi più significative che hanno segnato l’evoluzione dell’attività ispettiva.

A tale riguardo intenderei impostare l’intervento nel seguente modo.

Iniziare con un breve e veloce passaggio sulla evoluzione storica dell’attività ispettiva e della figura dell’ispettore per poi soffermarmi sulle novità introdotte sia dalla normativa contenuta nel  D. Lgs. 124/04, nel T.U. 81/08 e nel D.L. 106/09,  sia dalle direttrici e dalle indicazioni del Ministero, quali la Direttiva Sacconie le ultime Circolari ministeriali.

Da qui, passare poi alla trattazione degli istituti più significativi per il contratto al lavoro nero quali la sospensione e la revoca, la maxisanzione; e poi ancora gli istituti per una tutela immediata e diretta dei lavoratori quali la conciliazione monocratica e la diffida accertativa.

Piero Cascioli

mercoledì, 19 Maggio 2010

15:30
16:20

Le principali innovazioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro introdotte dal D.Lgs. n. 81/2008 e successive modificazioni ed integrazioni[w.57c]

Con il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, come noto in vigore dal 15 maggio 2008, e con il successivo decreto legislativo 3 agosto 2009, n. 106 “Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, inmateria di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro” in vigore dal 20 agosto 2009 si è data completa e definitiva attuazione alla delega concessa dal Parlamento al Governo ad adottare uno o più decreti legislativi per il riassetto e la riforma delle disposizioni vigenti in materia di salute e sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

Il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 non è però un semplice riassetto normativo ma contiene diversi elementi di novità previsti dai princìpi e criteri direttivi generali contenuti nell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007 (legge delega) che, sinteticamente, qui di seguito si riportano:

  • applicazione della normativa in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro a tutti i lavoratori e lavoratrici, autonomi e subordinati, nonché ai soggetti ad essi equiparati;
  • adeguate e specifiche misure di tutela per i lavoratori autonomi;
  • rivisitazione e potenziamento delle funzioni degli organismi paritetici;
  • previsione di un sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi;
  • promozione della cultura e delle azioni di prevenzione la promozione e la divulgazione della cultura della salute e della sicurezza sul lavoro all’interno dell’attività scolastica ed universitaria e nei percorsi di formazione;
  • revisione della normativa in materia di appalti;

introduzione dello strumento dell’interpello.

mercoledì, 19 Maggio 2010

16:30
17:30

Il Documento Unico di Regolarità Contributiva: problemi applicativi[w.58c]

La certificazione della regolarità contributiva ha assunto, nel corso degli ultimi anni, importanza fondamentale per la regolare partecipazione alle gare di appalto e per lo svolgimento del contratto stesso nonché per la fruizione dei benefici contributivi. La relativa disciplina ne definisce compiutamente l’ambito di applicazione ma non sempre risulta utile ai fini della soluzione delle problematiche applicative, le quali sono, invece, debitamente affrontate dal Ministero del Lavoro in apposite circolari o in sede di risposta ad istanze di interpello.

Si coglie l’occasione per offrire ai partecipanti del Forum un aggiornamento tecnico e operativo in materia di DURC, oggetto di costante evoluzione applicativa.

giovedì, 20 Maggio 2010

10:00
10:50

Il Documento Unico di Regolarità Contributiva: problemi applicativi[w.58d]

La certificazione della regolarità contributiva ha assunto, nel corso degli ultimi anni, importanza fondamentale per la regolare partecipazione alle gare di appalto e per lo svolgimento del contratto stesso nonché per la fruizione dei benefici contributivi. La relativa disciplina ne definisce compiutamente l’ambito di applicazione ma non sempre risulta utile ai fini della soluzione delle problematiche applicative, le quali sono, invece, debitamente affrontate dal Ministero del Lavoro in apposite circolari o in sede di risposta ad istanze di interpello.

Si coglie l’occasione per offrire ai partecipanti del Forum un aggiornamento tecnico e operativo in materia di DURC, oggetto di costante evoluzione applicativa.

giovedì, 20 Maggio 2010

15:30
16:20

Le principali innovazioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro introdotte dal D.Lgs. n. 81/2008 e successive modificazioni ed integrazioni[w.57d]

Con il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, come noto in vigore dal 15 maggio 2008, e con il successivo decreto legislativo 3 agosto 2009, n. 106 “Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, inmateria di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro” in vigore dal 20 agosto 2009 si è data completa e definitiva attuazione alla delega concessa dal Parlamento al Governo ad adottare uno o più decreti legislativi per il riassetto e la riforma delle disposizioni vigenti in materia di salute e sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

Il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 non è però un semplice riassetto normativo ma contiene diversi elementi di novità previsti dai princìpi e criteri direttivi generali contenuti nell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007 (legge delega) che, sinteticamente, qui di seguito si riportano:

  • applicazione della normativa in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro a tutti i lavoratori e lavoratrici, autonomi e subordinati, nonché ai soggetti ad essi equiparati;
  • adeguate e specifiche misure di tutela per i lavoratori autonomi;
  • rivisitazione e potenziamento delle funzioni degli organismi paritetici;
  • previsione di un sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi;
  • promozione della cultura e delle azioni di prevenzione la promozione e la divulgazione della cultura della salute e della sicurezza sul lavoro all’interno dell’attività scolastica ed universitaria e nei percorsi di formazione;
  • revisione della normativa in materia di appalti;

introduzione dello strumento dell’interpello.

Torna alla lista dei Partner