Torna a Eventi FPA

partner

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI


E' partner di

lunedì, 17 Maggio 2010

15:00
17:00

Ministero degli Affari Esteri: strumenti di comunicazione e di orientamento per l’internazionalizzazione delle imprese[lab.17]

Le strategie e le azioni concrete del Ministero degli Affari Esteri per sostenere e favorire il percorso di internazionalizzazione delle imprese italiane, costituiscono il focus della presentazione “Ministero degli Affari Esteri: strumenti di comunicazione e di orientamento per l’internazionalizzazione delle imprese”.

L’Officina intende offrire una panoramica approfondita di alcuni dei servizi sviluppati dalla Diplomazia Economica italiana per favorire una maggiore conoscenza delle opportunità e delle occasioni di business offerte dai mercati esteri.

martedì, 18 Maggio 2010

10:00
11:00

Internazionalizzazione dell’Università: la nuova piattaforma degli accordi internazionali[lab.18]

In questa particolare fase storica emerge chiaramente l’importanza capitale della internazionalizzazione della università, percorso obbligatorio che consente loro di rafforzare la propria competitività sul mercato globale della conoscenza.

La P.A.ha il dovere di sostenere tale processo e nell’ultimo anno MAE, MIUR e CRUI hanno svolto un lavoro di squadra volto a delineare strategie - comuni e condivise - di sostegno alla internazionalizzazione delle università.

Occorreva superare almeno le seguenti principali criticità emerse a seguito delle rilevazioni effettuate dalla Rete all’estero del MAE: difficoltà nel reperimento di informazioni complete e aggiornate in materia di cooperazione interuniversitaria; carenza di coordinamento; carenza di mezzi finanziari.

A risorse date, non restava che fare ricorso alla tecnologia, moltiplicatore delle risorse disponibili.

Pertanto, un primo risultato tangibile del lavoro di squadra interistituzionale è la realizzazione di una piattaforma interattiva di tipo 3.0 (http://accordi-internazionali.cineca.it/ ) dove, in un anno, 80 università italiane hanno inserito 7.686 accordi vigenti con atenei stranieri.

Tale strumento rappresenta pertanto la fonte di informazione, al contempo dinamica, completa e attendibile, per il reperimento di informazioni in materia di cooperazione interuniversitaria fra Italia e resto del mondo, nonché la base conoscitiva per le anzidette strategie.

Compito principale della piattaforma sarà peraltro quello di accrescere le interazioni fra mondo accademico e sistema produttivo ed Enti locali, in modo da rendere sostenibile il sostegno alle università. Infatti l’accesso alla piattaforma è pubblico (senza password) e sono reperibili nominativi, recapiti telefonici ed indirizzi elettronici dei docenti di riferimento di ogni accordo. Qualsiasi impresa potrà pertanto contattarli ed eventualmente finanziare la ricerca effettuata dall’università con l’ateneo straniero, rendendo sostenibile l’intero esercizio.

martedì, 18 Maggio 2010

11:00
12:00

Il nuovo portale web dell’Istituto Diplomatico[lab.41]

L’Istituto Diplomatico del Ministero Affari Esteri ha realizzato il proprio innovativo portale web destinato a fornire le informazioni su tutte le principali attività, sia quelle destinate al personale di ruolo (corsi di formazione e di aggiornamento professionale) sia quelle rivolte all’utenza esterna (corsi di preparazione alla carriera diplomatica, tirocini di formazione in collaborazione con la CRUI).

martedì, 18 Maggio 2010

12:00
13:00

Studiare all’estero. Il nuovo sistema on-line di gestione delle Borse di Studio[lab.19]

Il nuovo sito Borse di Studio online consente la gestione di tutte le procedure di selezione delle candidature e di assegnazione delle borse di studio gestite dal Ministero egli Affari Esteri. Sia delle Borse offerte dai paesi stranieri e  destinate a studenti italiani interessati a studiare all’estero che di quelle destinate a studenti stranieri desiderosi di studiare in Italia.

Il sistema garantisce la totale condivisione dei dati inseriti fra gli operatori: personale dell’Ufficio competente del MAE, Ambasciate straniere a Roma e Rappresentanze italiane all’estero. Tutti i modelli relativi ai lavori dei Comitati misti per la selezione dei candidati sono presenti in versione elettronica e condivisi.

Il nuovo iter comporta: snellimento delle procedure a carico dei candidati; dematerializzazione; eliminazione dell’invio della documentazione via posta o mail; abbattimento carichi di lavoro e degli errori in fase di decretazione; incremento della produttività; miglioramento dell’immagine dell’Amministrazione; maggiore trasparenza e democraticità; aumento delle candidature; più meritocrazia; miglior profilo accademico dei vincitori; misurazione effettiva della domanda di “studio in Italia” a fini statistici e per calibrare le strategie di offerta.

Ciò consente inoltre l’esportazione di tali principi in Paesi ancora impegnati nei processi di democratizzazione dei propri ordinamenti giuridici.   

Tale piano innovativo è stato premiato al Forum PA 2009, verrà premiato al Forum PA 2010 per il Concorso “Premiamo i Risultati” ed è candidato ad una “menzione speciale” nell’ambito del predetto concorso.

martedì, 18 Maggio 2010

14:00
16:00

Fare sistema: la Banca Dati della Cooperazione Decentrata[Lab.21]

E’ ormai esigenza riconosciuta da tutti gli attori pubblici promotori di attività di cooperazione allo sviluppo quella di integrare e rendere conoscibili le iniziative svolte in favore dei Paesi in Via di Sviluppo. A tale scopo il MAE, d’intesa con le Regioni e gli Enti Locali, ha dato seguito all’Intesa sancita tra PCM/DAR MAE, MISE e le Regioni firmata il 18 dicembre 2008, predisponendo un progetto di Banca Dati. Gli obiettivi principali del progetto sono:

  • armonizzare le attività svolte dai singoli attori,
  • ricondurre le medesime in un sistema per quanto possibile coerente,
  • favorire l’efficacia degli interventi,
  • rendere conoscibili qualità e volume dell’APS italiano, sia presso le Organizzazioni Internazionali, che presso un pubblico più ampio.

martedì, 18 Maggio 2010

16:00
18:00

La Banca Dati della Cooperazione Universitaria allo Sviluppo (Esperienza di integrazione tra un database e una community online)[lab.20]

L’ Officina propone ai partecipanti di esplorare il percorso di sviluppo di un’innovativa modalità di approccio alla raccolta di dati distribuiti sul territorio applicata al contesto della cooperazione allo sviluppo delle Università italiane.

Il progetto, promosso dalla Direzione Generale per la Cooperazioneallo Sviluppo (DGCS) del Ministero Affari Esteri e coordinato dal Politecnico di Milano in collaborazione con il Coordinamento della cooperazione Universitaria DGCS, si è articolato in più fasi che saranno analizzate con i partecipanti evidenziando le criticità emerse in ciascuna e le relative modalità di soluzione.

In particolare l’Officina si propone di approfondire i seguenti aspetti:

  • fase progettuale: modalità metodologiche e tecniche di gestione della  progettazione collaborativa  della struttura del database e della community utilizzando anche ambienti dedicati di ecollaboration;
  • database online:  caratteristiche chiave di una  database aggiornabile  e consultabile online, caratterizzato da elevata interattività e multimedialità per facilitare la comunicazione di attività e obiettivi anche ad un pubblico più ampio;
  • community: approccio metodologico, tecnico e organizzativo per l’animazione di una community online che sia nel contempo utente creativo e contribuente motivato del database online.

L’Officina sarà gestita attraverso un’alternanza di presentazioni gestite dei conduttori e di rapide attività collaborative che permetteranno ai partecipanti di contestualizzare l’approccio progettuale presentato nella propria realtà professionale.

mercoledì, 19 Maggio 2010

10:00
11:00

Estericult. La promozione della lingua italiana nel mondo.[lab.44]

A dodici mesi dal lancio, la piattaforma collaborativa EsteriCult del Ministero degli Affari Esteri si sta dimostrando un utile strumento di diffusione e scambio di informazioni sulla promozione della lingua e della cultura italiana nel mondo.

mercoledì, 19 Maggio 2010

11:00
12:00

La nuova Rassegna Stampa su misura. Innovazione, dematerializzazione ed efficacia del servizio[lab.39]

L’abolizione della rassegna stampa ministeriale cartacea è stata realizzata contemporaneamente alla creazione di 78 tipologie di rassegne stampa “su misura” per uffici centrali, ambasciate e consolati, impostate su un razionale geografico o tematico. In tal modo gli uffici hanno a disposizione due strumenti: uno, tradizionale, di informazione generalista ed uno, innovativo, di ambito più specifico, tarato appositamente sull’attività dell’ufficio. Per rendere efficace il nuovo servizio è stato creato un sistema di invio per posta elettronica che consente entro le ore 08,00 dal lunedì al venerdì di raggiungere circa 2.000 indirizzi a cui viene spedita la doppia rassegna, generalista e tematica.

 

Risultati. Aumento in maniera esponenziale (1:78) della quantità del’output dell’ufficio; miglioramento della qualità del servizio offerto alle strutture centrali e periferiche che hanno a disposizione maggiori articoli di approfondimento del settore di competenza; abbattimento dei costi vivi (carta, uso fotocopiatrici), riorganizzazione dei processi lavorativi; liberazione di risorse umane utilizzabili in altri settori; incentivazione del personale coinvolto che si sente parte di un progetto altamente apprezzato.

mercoledì, 19 Maggio 2010

12:00
13:00

I dati del dipendente: dematerializzazione e condivisione con altre PA[lab.16]

ScrivaniaWEB è il progetto che nasce dall’esigenza di consentire a ciascun dipendente la consultazione diretta dei propri dati aggiornati e validati, inglobandoli in un unico portale (la Mia Scrivania) al fine anche di agevolare la futura condivisione  degli stessi con le altre Amministrazioni interessate.

Attraverso le interfacce disponibili nel portale, il dipendente accede direttamente dal proprio desktop (la Mia Scrivania) ai propri dati già presenti nella banca dati centrale del personale del Ministero Affari Esteri per:

 1. la compilazione guidata dei Moduli on line in parte già precompilati (Detrazioni, Formazione, iscrizione ai servizi sociali);

2.la  consultazione della propria Posizione Previdenziale;

3. la futura consultazione del proprio Stato Matricolare costantemente aggiornato;

4.la consultazione dei Documenti Personali protocollati ( note trasferimento, verbali,..)

 

I dati verificati, corretti e validati potranno in futuro essere trasmessi, senza ridigitazione, verso i sistemi di Cooperazione Applicativa con le altre PA interessate.

Le informazioni correttamente registrate nelle banche dati rappresentano un valore aggiunto per l’intera collettività, e quindi anche per il dipendente pubblico. Tale strumento rende possibile un risparmio in termini di tempo e di risorse (umane e finanziarie). L’esibizione delle informazioni registrate ai diretti interessati rappresenta un percorso obbligato verso la verifica individuale dei dati per la correzione programmata da parte dell’ufficio gestore dei dati.

mercoledì, 19 Maggio 2010

15:00
16:00

Cerionline. Servizi Certificativi per il corpo diplomatico[lab.22]

Cerionline è il portale web che consente l’accesso ai servizi che il Cerimoniale Diplomatico offre, secondo quanto previsto dalla Convenzione di Vienna del 1961, agli agenti diplomatici accreditati in Italia presso Ambasciate, Consolati e Rappresentanze Permanenti (circa 20.000 persone). La funzionalità sviluppata è rivolta alle Rappresentanze estere accreditate in Italia e al personale del Cerimoniale Diplomatico. Le Rappresentanze richiedono online i servizi erogati dal Cerimoniale tramite il portale web; tali richieste, verificate le condizioni di ammissibilità, vengono evase telematicamente dal personale del Cerimoniale Diplomatico, attraverso il back-office dedicato. Nella gestione delle richieste interviene altresì l’Agenzia delle Dogane, erogando i servizi di propria competenza. L’implementazione di questo sistema ha consentito un azzeramento dei costi e dei tempi nello scambio della documentazione tra i soggetti interessati ed una maggiore trasparenza sull’iter gestionale avendo gli utenti la possibilità di seguire in real-time le operazioni connesse all’erogazione dei servizi. L’informatizzazione permette inoltre di monitorare più agevolmente il flusso e di elaborare più velocemente statistiche d’ausilio all’attività del Cerimoniale Diplomatico.

giovedì, 20 Maggio 2010

10:00
11:30

Le nuove Linee Guida della Cooperazione Decentrata[lab.43]

Per Cooperazione Decentrata s’intende l’azione di cooperazione realizzata dalle Regioni e dagli Enti Locali nell’ambito di relazioni di partenariato territoriale con istituzioni locali dei paesi con i quali si coopera.

Le nuove Linee Guida della Cooperazione Decentrata costituiscono il frutto di un lavoro di revisione e aggiornamento, avviato in seguito ai mutamenti intercorsi nell’ultimo decennio. Sono emerse nuove dinamiche istituzionali ed operative, cui è stato necessario adeguarsi. Tale scenario è stato influenzato dalla riforma del Titolo V° della Costituzione e dal rinnovamento del Sistema Italiano della Cooperazione allo Sviluppo.

La Cooperazione Decentrata ha assunto in tale processo un ruolo importante e strategico, riconosciuto dall’Intesa tra Stato e Regioni sancita il 18 dicembre 2008 e dalle “Linee programmatiche per il triennio 2010 – 2012”, adottate dalla DGCS il 15 marzo c.a..

La Cooperazione Decentrata è stata chiamata a rendere la propria attività coerente con la politica estera italiana e con le politiche di sviluppo attuate da altri paesi partner, secondo i principi di efficacia e coerenza dell’aiuto pubblico. 

Si è inoltre avviata un’opera di codificazione dei principi emersi nel corso di una prassi ormai consolidata. Concetti quali partenariato, sviluppo reciproco, multi- attorialità e azione multilivello. Il documento si sofferma inoltre sui concetti di ownernship democratica e sussidiarietà, verticale e orizzontale, richiamando infine i più recenti principi di mutua responsabilità e sostenibilità.

giovedì, 20 Maggio 2010

11:30
12:30

Gestione delle emergenze: l’Unità di Crisi del Ministero degli Esteri al servizio del cittadino e della Pubblica Amministrazione[lab.40]

La tutela dei connazionali e degli interessi italiani nel mondo è uno dei compiti tradizionali del Ministero degli Affari Esteri ed è l’attività specifica dell’Unità di Crisi che presenta i propri servizi ai cittadini e della Pubblica Amministrazione.

In particolare saranno presentate le nuove funzionalità dei due siti internet direttamente gestiti dall’Unità di Crisi: www.viaggiaresicuri.it e www.dovesiamonelmondo.it e le più recenti innovazioni tecnologiche introdotte dall’Unità di crisi per fronteggiare in modo sempre più efficace le molteplici e sempre crescenti fattispecie di rischio.

giovedì, 20 Maggio 2010

12:30
14:00

Donna e Acqua. L’esperienza della Cooperazione Decentrata[lab.42]

Il tema dell'accesso all'acqua è divenuto progressivamente più incisivo nell'ambito delle politiche di cooperazione e si è evoluto sia dal punto di vista tecnico-infrastrutturale che da quello educativo- sanitario. Molto è stato fatto per aumentare la consapevolezza delle opinioni pubbliche dei paesi donatori, sviluppando dibattiti ed occasioni di confronto di altissimo profilo. Il mancato accesso alle fonti di approvvigionamento idrico, come pure la sanitarizzazione dell'acqua rappresentano grandi sfide per l'umanità nei prossimi anni. L'attenzione verso i temi dell'acqua è stata sempre più spesso associata alla crescente responsabilità della donna nei paesi emergenti. In tal senso, la società civile italiana è riuscita ad associare alla sua tradizionale generosità, una visione condivisa e diffusa del rapporto fra "Donna ed Acqua", realizzando i presupposti per un vero e proprio "benchmark", un punto di riferimento specifico per l’implementazione delle politiche di aiuto allo sviluppo. Il contributo della "Cooperazione Decentrata" in tale ambito, è consistito nel veicolare le risorse attribuite dagli Enti Locali alle politiche di cooperazione, proponendo uno schema innovativo di partecipazione e di entusiasmo grazie ai quali la presenza italiana nelle aree più difficili del pianeta si è fatta via via sempre più viva. Le peculiarità della cultura italiana della Cooperazione ha consentito in tutti i continenti di coniugare l'idea della donna come generatrice della vita, insieme a quella dell'acqua quale fonte della vita stessa.

Torna alla lista dei Partner