Torna a Eventi FPA

partner

SIAV

Fondata nel 1989 Siav è oggi la prima azienda europea per fatturato nel settore dell’Enterprise Information Management, con soluzioni per la Gestione Elettronica dei Documenti, il Workflow Management e la Conservazione Digitale. È presente con proprie sedi a Padova, Milano, Genova, Bologna e Roma, ed opera nel resto dell’Italia attraverso partner certificati.

Si caratterizza per le competenze specialistiche maturate nella realizzazione di progetti complessi per Aziende ed Enti, e si distingue per le capacità di garantire con risorse proprie le attività di analisi, implementazione e supporto.

Negli ultimi dieci anni ha più che raddoppiato la propria dimensione di mercato, con un organico che oggi conta oltre 250 dipendenti. Il 2018 si è chiuso con un fatturato di oltre 20,7 milioni di euro.

Ogni giorno Siav affianca migliaia di Clienti per rispondere alle loro necessità attraverso una piattaforma tecnologica “viva” e flessibile, e progetti di dematerializzazione completi ed innovativi. L'azienda realizza il suo business in tutti i mercati e ad oggi conta oltre 3.000 installazioni: nella Pubblica Amministrazione, con referenze come Banca d’Italia, Cassa Depositi e Prestiti, Sanità, Regioni, Multiutility, Province e Comuni; nel mondo dell’Industria e dei Servizi con applicazioni in tutti i settori: GDO, Logistica, Banche, Assicurazioni, Produzione e Commercio.

Le soluzioni software e i servizi di Business Process Outsourcing di Siav consentono ad aziende ed enti di gestire l’intero ciclo di vita dei documenti, semplificare i processi e diminuire i costi, tramite soluzioni in house, in full outsourcing o ibride. In particolare, Siav ha consolidato forti competenze verticali nella Gestione del Fascicolo del Personale, Fatturazione Elettronica B2B, nella gestione del ciclo passivo e nella Conservazione Digitale.

Alla sua consolidata piattaforma, oggi Siav affianca Silloge, un innovativo digital workplace che unisce le funzioni di Enterprise Content Management e Business Process Management in un’unica piattaforma, con un'interfaccia semplice ed intuitiva per un elevato grado di usabilità. La soluzione, sviluppata interamente da Siav con tecnologie Open Source, progettata Cloud Native, è lo strumento ideale per rispondere al meglio alle esigenze di tutte le Imprese, incluse PMI ed Enti pubblici.

Siav vanta una Software Factory d’eccellenza dedicata allo sviluppo software, che lavora ogni giorno per migliorare la qualità e l’usabilità del software, e un laboratorio di Ricerca e Sviluppo che opera in collaborazione con importanti istituzioni accademiche internazionali, tra cui l’Università di Padova e la Technische Universiteit di Eindhoven, su progetti innovativi quali il Classificatore Automatico, il Process Mining e la Social Network Analysis.

Forte della sua ventennale competenza in ambito normativo e archivistico, Siav ha costituito un Osservatorio Normativo, un organo di consulenza che offre la solida conoscenza di normative e leggi italiane riguardo la gestione e conservazione dei documenti.

Vanta inoltre importanti certificazioni: ha ottenuto la Microsoft Gold Competency nell’Application Development; è membro di livello Gold dell’Oracle Partner Network ed utilizza la tecnologia Oracle nelle proprie soluzioni applicative; possiede la certificazione SAP per l’integrazione avanzata della sua piattaforma documentale; è certificata UNI EN ISO 9001 e UNI CEI ISO/IEC 27001. Conservatore Accreditato AgID dal 2014, possiede inoltre la Certificazione di Conformità per i servizi di Conservazione Digitale.

Siav è l’unica azienda italiana inclusa nel 2018 da Forrester tra le 20 TOP Aziende Europee (Now Tech: EU- And UK-Based Enterprise Content Management, Q2 2018 - Forrester's Overview Of 20 EU- And UK-Based Enterprise Content Management Providers) ed è presente nella Classifica Top 100 elaborata da IDC, posizionandosi al 54° posto a livello nazionale come produttore e fornitore di software.


E' partner di

lunedì, 17 Maggio 2010

10:00
10:50

La gestione automatica della PEC nel processo di "dematerializzazione" della "Nuova Amministrazione Digitale". Un'applicazione concreta[w.18a]

La necessità di ridurre le distanze tra la Pubblica Amministrazione ed i Cittadini e le Imprese induce la PA ad adottare nuove modalità di comunicazione con i propri interlocutori istituzionali basate su tecnologie "economiche" e sicure.

La Posta Elettronica Certificata è destinata a rappresentare lo strumento preferenziale di scambio telematico di informazioni e documenti elettronici tra le Pubbliche Amministrazioni, i Privati e le Aziende.

Ne sono conferma le recenti normative che obbligano le Imprese ad avere un proprio indirizzo di PEC pubblico e la CEC PAC che a breve consentirà ai Cittadini di richiedere una casella di Posta Elettronica Certificata gratuita.

Si rende quindi necessario per le Pubbliche Amministrazioni dotarsi di strumenti per la gestione della Posta Elettronica Certificata integrata con il Protocollo Istituzionale e/o con altre applicazioni preesistenti.

Durante il master saranno presentati alcuni casi concreti di gestione della PEC di grandi Pubbliche Amministrazioni e verrà eseguita una presentazione pratica della soluzione applicativa adottata, Ergon di Siav.

lunedì, 17 Maggio 2010

12:00
12:50

Solo un click per entrare nella" Nuova Amministrazione Digitale": lo sportello unico virtuale dei servizi. Un caso concreto[w.19a]

Il recente orientamento verso la “Pubblica Amministrazione digitale” ed il nuovo Codice dell’Amministrazione Digitale inducono la PA ad interpretare in maniera innovativa i rapporti con i Cittadini e le Imprese attraverso l’utilizzo delle moderne tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Lo sportello unico virtuale rappresenta lo strumento per l’erogazione delle prestazioni da parte dalla PA: i Cittadini, i Professionisti e le Imprese possono accedere ai servizi attraverso modalità innovative e semplici da utilizzare.

Durante il master saranno presentanti alcuni sportelli polifunzionali virtuali utilizzati da Pubbliche Amministrazioni e verrà eseguita una presentazione pratica della soluzione applicativa adottata, Koinè di Siav.

lunedì, 17 Maggio 2010

15:30
16:20

Come dematerializzare i procedimenti amministrativi attraverso l'applicazione del Codice dell'Amministrazione Digitale. Un caso concreto[w.20a]

Dematerializzare i procedimenti amministrativi significa rendere più efficace e più efficiente l'azione della Pubblica Amministrazione agendo sul principale processo di supporto: la gestione del flusso documentale.

Nella realizzazione di un progetto di digitalizzazione dei procedimenti è necessario prendere in considerazione i diversi aspetti della dematerializzazione, riferibili a diverse discipline: organizzativa, normativa, archivistica e tecnologica.

La piattaforma tecnologica di supporto deve avere caratteristiche di integrabilità e scalabilità tali da consentire la gestione di tutte le componenti connesse con la gestione digitale dei processi e dei documenti: protocollo informatico, firma digitale, posta elettronica certificata e conservazione sostitutiva.

Durante il master sarà presentato un caso concreto di dematerializzazione completa da parte di una grande Pubblica Amministrazione e verrà eseguita una presentazione pratica della soluzione applicativa adottata, Sinthesi di Siav

martedì, 18 Maggio 2010

10:00
10:50

La gestione automatica della PEC nel processo di "dematerializzazione" della "Nuova Amministrazione Digitale". Un'applicazione concreta[w.18b]

La necessità di ridurre le distanze tra la Pubblica Amministrazione ed i Cittadini e le Imprese induce la PA ad adottare nuove modalità di comunicazione con i propri interlocutori istituzionali basate su tecnologie "economiche" e sicure.

La Posta Elettronica Certificata è destinata a rappresentare lo strumento preferenziale di scambio telematico di informazioni e documenti elettronici tra le Pubbliche Amministrazioni, i Privati e le Aziende.

Ne sono conferma le recenti normative che obbligano le Imprese ad avere un proprio indirizzo di PEC pubblico e la CEC PAC che a breve consentirà ai Cittadini di richiedere una casella di Posta Elettronica Certificata gratuita.

Si rende quindi necessario per le Pubbliche Amministrazioni dotarsi di strumenti per la gestione della Posta Elettronica Certificata integrata con il Protocollo Istituzionale e/o con altre applicazioni preesistenti.

Durante il master saranno presentati alcuni casi concreti di gestione della PEC di grandi Pubbliche Amministrazioni e verrà eseguita una presentazione pratica della soluzione applicativa adottata, Ergon di Siav.

martedì, 18 Maggio 2010

12:00
12:50

Solo un click per entrare nella" Nuova Amministrazione Digitale": lo sportello unico virtuale dei servizi. Un caso concreto[w.19b]

Il recente orientamento verso la “Pubblica Amministrazione digitale” ed il nuovo Codice dell’Amministrazione Digitale inducono la PA ad interpretare in maniera innovativa i rapporti con i Cittadini e le Imprese attraverso l’utilizzo delle moderne tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Lo sportello unico virtuale rappresenta lo strumento per l’erogazione delle prestazioni da parte dalla PA: i Cittadini, i Professionisti e le Imprese possono accedere ai servizi attraverso modalità innovative e semplici da utilizzare.

Durante il master saranno presentanti alcuni sportelli polifunzionali virtuali utilizzati da Pubbliche Amministrazioni e verrà eseguita una presentazione pratica della soluzione applicativa adottata, Koinè di Siav.

martedì, 18 Maggio 2010

15:30
16:20

Come dematerializzare i procedimenti amministrativi attraverso l'applicazione del Codice dell'Amministrazione Digitale. Un caso concreto[w.20b]

Dematerializzare i procedimenti amministrativi significa rendere più efficace e più efficiente l'azione della Pubblica Amministrazione agendo sul principale processo di supporto: la gestione del flusso documentale.

Nella realizzazione di un progetto di digitalizzazione dei procedimenti è necessario prendere in considerazione i diversi aspetti della dematerializzazione, riferibili a diverse discipline: organizzativa, normativa, archivistica e tecnologica.

La piattaforma tecnologica di supporto deve avere caratteristiche di integrabilità e scalabilità tali da consentire la gestione di tutte le componenti connesse con la gestione digitale dei processi e dei documenti: protocollo informatico, firma digitale, posta elettronica certificata e conservazione sostitutiva.

Durante il master sarà presentato un caso concreto di dematerializzazione completa da parte di una grande Pubblica Amministrazione e verrà eseguita una presentazione pratica della soluzione applicativa adottata, Sinthesi di Siav

mercoledì, 19 Maggio 2010

10:00
10:50

La gestione automatica della PEC nel processo di "dematerializzazione" della "Nuova Amministrazione Digitale". Un'applicazione concreta[w.18c]

La necessità di ridurre le distanze tra la Pubblica Amministrazione ed i Cittadini e le Imprese induce la PA ad adottare nuove modalità di comunicazione con i propri interlocutori istituzionali basate su tecnologie "economiche" e sicure.

La Posta Elettronica Certificata è destinata a rappresentare lo strumento preferenziale di scambio telematico di informazioni e documenti elettronici tra le Pubbliche Amministrazioni, i Privati e le Aziende.

Ne sono conferma le recenti normative che obbligano le Imprese ad avere un proprio indirizzo di PEC pubblico e la CEC PAC che a breve consentirà ai Cittadini di richiedere una casella di Posta Elettronica Certificata gratuita.

Si rende quindi necessario per le Pubbliche Amministrazioni dotarsi di strumenti per la gestione della Posta Elettronica Certificata integrata con il Protocollo Istituzionale e/o con altre applicazioni preesistenti.

Durante il master saranno presentati alcuni casi concreti di gestione della PEC di grandi Pubbliche Amministrazioni e verrà eseguita una presentazione pratica della soluzione applicativa adottata, Ergon di Siav.

mercoledì, 19 Maggio 2010

12:00
12:50

Solo un click per entrare nella" Nuova Amministrazione Digitale": lo sportello unico virtuale dei servizi. Un caso concreto[w.19c]

Il recente orientamento verso la “Pubblica Amministrazione digitale” ed il nuovo Codice dell’Amministrazione Digitale inducono la PA ad interpretare in maniera innovativa i rapporti con i Cittadini e le Imprese attraverso l’utilizzo delle moderne tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Lo sportello unico virtuale rappresenta lo strumento per l’erogazione delle prestazioni da parte dalla PA: i Cittadini, i Professionisti e le Imprese possono accedere ai servizi attraverso modalità innovative e semplici da utilizzare.

Durante il master saranno presentanti alcuni sportelli polifunzionali virtuali utilizzati da Pubbliche Amministrazioni e verrà eseguita una presentazione pratica della soluzione applicativa adottata, Koinè di Siav.

mercoledì, 19 Maggio 2010

15:30
16:20

Come dematerializzare i procedimenti amministrativi attraverso l'applicazione del Codice dell'Amministrazione Digitale. Un caso concreto[w.20c]

Dematerializzare i procedimenti amministrativi significa rendere più efficace e più efficiente l'azione della Pubblica Amministrazione agendo sul principale processo di supporto: la gestione del flusso documentale.

Nella realizzazione di un progetto di digitalizzazione dei procedimenti è necessario prendere in considerazione i diversi aspetti della dematerializzazione, riferibili a diverse discipline: organizzativa, normativa, archivistica e tecnologica.

La piattaforma tecnologica di supporto deve avere caratteristiche di integrabilità e scalabilità tali da consentire la gestione di tutte le componenti connesse con la gestione digitale dei processi e dei documenti: protocollo informatico, firma digitale, posta elettronica certificata e conservazione sostitutiva.

Durante il master sarà presentato un caso concreto di dematerializzazione completa da parte di una grande Pubblica Amministrazione e verrà eseguita una presentazione pratica della soluzione applicativa adottata, Sinthesi di Siav

giovedì, 20 Maggio 2010

10:00
10:50

La gestione automatica della PEC nel processo di "dematerializzazione" della "Nuova Amministrazione Digitale". Un'applicazione concreta[w.18d]

La necessità di ridurre le distanze tra la Pubblica Amministrazione ed i Cittadini e le Imprese induce la PA ad adottare nuove modalità di comunicazione con i propri interlocutori istituzionali basate su tecnologie "economiche" e sicure.

La Posta Elettronica Certificata è destinata a rappresentare lo strumento preferenziale di scambio telematico di informazioni e documenti elettronici tra le Pubbliche Amministrazioni, i Privati e le Aziende.

Ne sono conferma le recenti normative che obbligano le Imprese ad avere un proprio indirizzo di PEC pubblico e la CEC PAC che a breve consentirà ai Cittadini di richiedere una casella di Posta Elettronica Certificata gratuita.

Si rende quindi necessario per le Pubbliche Amministrazioni dotarsi di strumenti per la gestione della Posta Elettronica Certificata integrata con il Protocollo Istituzionale e/o con altre applicazioni preesistenti.

Durante il master saranno presentati alcuni casi concreti di gestione della PEC di grandi Pubbliche Amministrazioni e verrà eseguita una presentazione pratica della soluzione applicativa adottata, Ergon di Siav.

giovedì, 20 Maggio 2010

12:00
12:50

Solo un click per entrare nella" Nuova Amministrazione Digitale": lo sportello unico virtuale dei servizi. Un caso concreto[w.19d]

Il recente orientamento verso la “Pubblica Amministrazione digitale” ed il nuovo Codice dell’Amministrazione Digitale inducono la PA ad interpretare in maniera innovativa i rapporti con i Cittadini e le Imprese attraverso l’utilizzo delle moderne tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Lo sportello unico virtuale rappresenta lo strumento per l’erogazione delle prestazioni da parte dalla PA: i Cittadini, i Professionisti e le Imprese possono accedere ai servizi attraverso modalità innovative e semplici da utilizzare.

Durante il master saranno presentanti alcuni sportelli polifunzionali virtuali utilizzati da Pubbliche Amministrazioni e verrà eseguita una presentazione pratica della soluzione applicativa adottata, Koinè di Siav.

giovedì, 20 Maggio 2010

15:30
16:20

Come dematerializzare i procedimenti amministrativi attraverso l'applicazione del Codice dell'Amministrazione Digitale. Un caso concreto[w.20d]

Dematerializzare i procedimenti amministrativi significa rendere più efficace e più efficiente l'azione della Pubblica Amministrazione agendo sul principale processo di supporto: la gestione del flusso documentale.

Nella realizzazione di un progetto di digitalizzazione dei procedimenti è necessario prendere in considerazione i diversi aspetti della dematerializzazione, riferibili a diverse discipline: organizzativa, normativa, archivistica e tecnologica.

La piattaforma tecnologica di supporto deve avere caratteristiche di integrabilità e scalabilità tali da consentire la gestione di tutte le componenti connesse con la gestione digitale dei processi e dei documenti: protocollo informatico, firma digitale, posta elettronica certificata e conservazione sostitutiva.

Durante il master sarà presentato un caso concreto di dematerializzazione completa da parte di una grande Pubblica Amministrazione e verrà eseguita una presentazione pratica della soluzione applicativa adottata, Sinthesi di Siav

Torna alla lista dei Partner