Torna a Eventi FPA

Programma Congressuale

Torna alla home

  da 10:00 a 11:30

Creare valore attraverso la comunicazione [ T.11 ]

(Consiglio Nazionale del Notariato – “Il territorio come medium” )

Programma dei lavori

Intervengono

Muzi Falconi
Il Progetto Quadrifoglio per la valorizzazione della professione del notaio: dall’analisi alla strategia

Attraverso una indagine sulle aspettative degli stakehorder, cittadini, notai e istituzioni; Methodos, ha cercato di descrivere il contesto nel quale opera il notariato .L’obiettivo dell’analisi è stato quello di identificare la missione, definire cioè lo stato e la funzione del notariato prima di porre in essere gli interventi, e la visione, ovvero gli obiettivi da raggiungere nell’arco di tre/quattro anni. E’stato necessario, dunque, definire: quali valori perseguire e tenere come costanti; declinare la strategia individuata in obiettivi intermedi; incorporare un sistema continuo di monitoraggio. L’obiettivo generale del Progetto Quadrifoglio è stato quello di favorire l’integrazione fra il notaio e la società contribuendo alla legittimazione sociale del ruolo.

Toni Muzi Falconi Director - Methodos Vedi atti
Pensato
Creare valore attraverso la comunicazione: coesione e rivalutazione sociale della professione notaio

Il notariato si presenta con una struttura piuttosto complessa caratterizzata da 94 distretti territoriali, ramificati e distribuiti sul tutto il territorio e dotati di autonomia. Amministra 5 mila notai, e si avvale della collaborazione di 16 scuole, la cui funzione è quella di favorire l’accesso alla carriera notarile,  e di una fondazione che gestisce la parte scientifica e di approfondimenti culturali. Il centro e la periferia non sono legate da un rapporto gerarchico. In seguito ad un’indagine Doxa,  si è messo in evidenza che la struttura del notariato, e in particolar modo della figura professionale del notaio, venivano percepite come isolate e arroccate sulle proprie posizioni e dotate di una dubbia utilità sociale. In questo contesto, il Consiglio Nazionale del Notariato ha deciso di intervenire con un progetto di valorizzazione della professione. In particolare il progetto interviene su tra ambiti: quello interno, per cui il progetto intende incrementare la capacità di dialogo tra notai, per favorire la collaborazione e la condivisione; quello esterno, rivolto al rapporto con le istituzioni per far cresce un confronto costante e proattivo; e quello verso l’opinione pubblica e le organizzazione sociali per una valorizzazione sociale della professione e costruire una percezione più adeguata del ruolo del notaio nella società. Per fare questo, il progetto – progetto quadrifoglio – ha previsto la costruzione e l’implementazione di una rete che mettesse in relazione il centro e la periferia e , in generale, tutte le sedi del notariato; ha contribuito, sfruttando la rete, allo sviluppo di un dialogo, un confronto e una collaborazione tra le professioni al fine di costruire una visione comune; infine,  ha creato un sistema attraverso il quale mettere in evidenza gli effetti del lavoro del notariato per sottolinearne l’utilità sociale.

Massimo Pensato Direttore Generale - CNN Vedi atti
Alemanno
La legittimazione sociale del ruolo del notaio

Il notaio è una figura professionale che presenta delle particolarità: è un libero professionista ma allo stesso tempo è un pubblico ufficiale. Il limite di questa professionalità si esprime nel fatto che, spesso, le logiche privatistiche predominano sulla logica di servizio alla collettività, disegnando un immagine del notaio arroccato nel proprio ufficio, la cui utilità sociale spesso non viene compresa. E’ di fondamentale importanza, dunque, creare e diffondere una legittimazione sociale del ruolo del notaio, cercando di far comprendere al meglio la professionalità, l’utilità della professionalità, e i soggetti ai quali si rivolge. La legittimazione sociale del ruolo del notaio può essere attivata, però, solo se si sviluppo una rete che faciliti la coesione interna al notariato,  in grado di ramificarsi sul territorio e  raggiungere tutte le comunità.

Gabriella Alemanno Direttore - Agenzia del Territorio Biografia Vedi atti

Direttore dell'Agenzia del Territorio dal luglio 2008.

Laureata in Giurisprudenza nel 1979 presso l'Università "La Sapienza" di Roma, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione forense.

Entra nella carriera direttiva del Ministero delle finanze tramite concorso presso la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione e svolge le funzioni di vice direttore presso gli uffici periferici dell'Amministrazione finanziaria di Milano e di Rimini. Nel 1994, trasferitasi a Roma presso il Dipartimento delle Entrate, assume il ruolo di responsabile della segreteria tecnica del Direttore nella Direzione Centrale per gli Affari Giuridici e il Contenzioso tributario, partecipando, in qualità di componente, a varie commissioni ministeriali istituite a seguito di riforme normative in materia tributaria.

Dirigente dal 1999, nel 2000 è nominata professore stabile presso la Scuola centrale tributaria "Ezio Vanoni"; è riconfermata nel 2001 nel ruolo di professore non temporaneo presso il Dipartimento delle Scienze economiche e tributarie della rinnovata Scuola Superiore dell'economia e delle finanze. E' docente presso la Scuola di Polizia tributaria della Guardia di Finanza dall'anno accademico 1995/1996 a tutt'oggi. Ha insegnato in numerosi master di specializzazione in diritto tributario e in diversi seminari specialistici. Redige articoli su riviste scientifiche ed è autore di opere monografiche in materia tributaria. Ha partecipato a numerosi convegni in qualità di relatore.

Nel 2002 assume l'incarico di esperto SECIT e dallo stesso anno, con la nomina a Dirigente Generale, viene assegnata all'Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato per collaborare al progetto di rilancio della struttura ricoprendo l'incarico di Direttore per le strategie e di vice-direttore della stessa Amministrazione.

Grande Ufficiale della Repubblica Italiana, nel 2007 ha vinto il Premio Marisa Bellisario. Nel 2010 ha ricevuto il Premio Minerva per la Dirigenza nella Pubblica Amministrazione e il Premio speciale Real Estate.

Chiudi

Torna alla home