Torna a Eventi FPA

Programma Congressuale

Torna alla home

  da 10:00 a 13:00

Direttiva ricorsi e processi rapidi per gli appalti [ B.44 ]

(In collaborazione con Il Sole 24Ore)

Il contenzioso giudiziario è una delle cause che più rallenta il settore dei contratti pubblici: negli appalti di importo elevato si registra infatti un contenzioso ogni due contratti, con un allungamento dei tempi previsti sulla durata dei lavori di circa l’85%.

Il Dlgs 53/2010 - che recepisce la direttiva ricorsi 2007/66/CE del Parlamento e del Consiglio dell’11 dicembre 2007 – interviene in questo contesto con l’obiettivo di migliorare l’efficacia delle procedure di ricorso in materia di aggiudicazione degli appalti pubblici e individuare canali alternativi o ausiliari al contenzioso giudiziario. Il decreto lascia però molti nodi irrisolti e molte incertezze tra gli operatori del settore.

Il convegno organizzato da UNITEL - Unione Nazionale Italiana Tecnici Enti Locali - da sempre vicina ai tecnici delle pubbliche amministrazioni nell’esercizio delle proprie attività quotidiane, attraverso la formazione costante in seminari e giornate di studio, in collaborazione con Il Sole 24 ORE intende offrire agli operatori del settore, e in particolare ai RUP, una panoramica del nuovo processo.

Programma dei lavori

Intervengono

Miconi
Le nuove incombenze dal punto di vista del responsabile del procedimento: profili di responsabilità civile, amministrativa e contabile

Il decreto legislativo 53/2010 impatta fortemente sulle incombenze del responsabile di procedimento. Leonardo Miconi espone le innovazione apportate dal decreto legislativo 53/2010 al codice dei contratti pubblici sottolineando gli aspetti più critici ai quali il responsabile del procedimento è maggiormente esposto. Sulla base di dati qualitativi, individua le fattispecie più ricorrenti, descrive le anomalie e i vizi che caratterizzano in modo particolare la fase di aggiudicazione e gli effetti di questi sulla responsabilità dell’RP. L’intervento si chiude con l’individuazione di un insieme di suggerimenti relativi agli accorgimenti che il responsabile di procedimento può adottare al fine di evitare di porre in essere comportamenti suscettibili di sanzioni.

Leonardo Miconi Dirigente presso la Direzione generale vigilanza lavori - Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici Vedi atti

Atti di questo intervento

876_leonardo_miconi.mp3

Chiudi

Attelli
La preclusione alla stipula del contratto prima dei 35 giorni dall'aggiudicazione

Il decreto legislativo 53/2010 esprime la preoccupazione manifestata in sede comunitaria di superare alcuni limiti fatti registrare dall’ art.11 del codice dei contratti pubblici. Il decreto legislativo incarna la volontà di creare un sistema netto e univoco con il quale dare effettività al contratto pubblico solo a partire dalla comprovata regolarità sulla legittimità del procedimento che ha condotto all’aggiudicazione definitiva. Massimiliano Atelli effettua un’analisi degli aspetti principali della ratio di fondo della normativa e della nuova forma di rito di accesso introdotta dal decreto legislativo 53/2010.

Massimiliano Attelli Capo dell’Ufficio legislativo del Ministero dell’Ambiente – - Coordinatore scientifico della Rivista “Diritto e pratica amministrativa” edita dal Sole 24 ORE Vedi atti

Atti di questo intervento

877_massimiliano_atelli.mp3

Chiudi

Ruta
L’informativa ed il termine per proporre ricorso: l’inefficacia del contratto, la tutela in forza specifica e per equivalente

Il decreto legislativo 53/2010 deve essere inteso come il tentativo del legislatore di normare la buona fede nei rapporti contrattuali. Questa necessità nasce da casi in cui le amministrazioni, in sede di stipula del contratto, non sono state in grado di rispettare i termini di stipula accelerandoli o prolungandoli, recando di fatto una distorsione del mercato e un danno all’interesse pubblico. L’intervento del legislatore si pone come volontà di chiarire, e quindi di  abolire possibili dubbi sulle modalità di gestione dei rapporti contrattuali, prevedendo specifiche procedure da seguire, termini da rispettare e le relative responsabilità a carico dell’amministrazione e del responsabile di procedimento. Giovanni Ruta descrive in modo approfondito il principio di informazione, il potere di autotutela dell’amministrazione e la procedura di ricorso, ragionando sulle motivazioni di fondo dei termini di scadenza indicati dal legislatore.

Giuseppe Ruta Avvocato Amministrativista Vedi atti

Atti di questo intervento

878_giuseppe_ruta.mp3

Chiudi

Saluti di benvenuto

Primiani
Presenta e introduce il convegno “Direttiva ricorsi e processi rapidi per gli appalti”

Bernardo Primiani presenta e introduce il convegno “Direttiva ricorsi e processi rapidi per gli appalti”, sottolineando come il decreto legislativo 53/2010 sia un decreto fortemente impattante sul ruolo e le responsabilità del responsabile di procedimento. Il decreto prevede infatti dei tempi di reazione piuttosto brevi per procedure che devono essere condotte con doverosa e dovuta diligenza per evitare il rischio di rimanere intrappolati in una maglia di responsabilità e sanzioni capaci di incidere e condizionare gli appalti futuri.

Bernardino Primiani Presidente - UNITEL - Unione Nazionale Italiana Tecnici Enti Locali Vedi atti
Torna alla home