Torna a Eventi FPA

Programma Congressuale

Torna alla home

  da 10:00 a 13:00

ELI-CAT/FIS Strumenti integrati di governance intelligente [ T.09 ]

(in collaborazione con ANCI)

Negli ultimi tre anni alcune esperienze pilota hanno esplorato le possibilità di integrazione fra edilizia, catasto e fiscalità. Tra queste, ELI-CAT, ELI-FIS e FED-FIS, hanno accettato la sfida di realizzare un modello di governance intelligente con capacità di fare sistema e di offrire servizi aggiornati a cittadini, imprese ed altre amministrazioni. Il seminario analizzerà l’impatto sul territorio e le prospettive del sistema creato dai progetti per migliorare il livello di governance, oltre a fornire una dimostrazione pratica degli applicativi realizzati per la condivisione dei dati generati da fonti multiple appartenenti ai diversi livelli dell’amministrazione pubblica. Saranno quindi illustrati i cruscotti dei servizi intelligenti sviluppati per il controllo e la gestione dei tributi locali e per l‘individuazione sul campo dell’evasione dei tributi erariali e della pressione fiscale complessiva. La presentazione dello sportello unico dell’edilizia e degli studi realizzati per il modello unico digitale sull’edilizia, tra altri, daranno anche uno spunto interessante su come sta cambiando il rapporto dei Comuni con i cittadini e le imprese in funzione del federalismo fiscale.

Se vuoi sapere tutto sullo ZOOM tematico "Smart city"  CLICCA QUI

Programma dei lavori

Saluti di benvenuto ed introduzione ai lavori

Leo
Presentazione e introduzione al convegno “ELI-CAT/FIS Strumenti integrati di governance intelligente”

La legge 42 sul federalismo fiscale presenta indicazioni dedicate al contributo che gli enti locali possono dare alla lotta all’evasione fiscale, aspetto che era già stato anticipato nella legge del 2005, nella quale compare un segmento normativo che stabilisce una partecipazione dei comuni all’attività di accertamento, con un rientro del 30% sulla quota riscossa. Già allora si mise in evidenza che le indicazioni sul contributo dei comuni alla lotta dell’evasione fiscale erano già presenti nel sistema tributario - art.44 del decreto sull’accertamento delle imposte sui redditi -  in cui si stabiliva una partecipazione dei comuni alle attività di verifica. Se in sostanza tale norma è rimasta senza concreta applicazione, poiché negli anni settanta l’attività di accertamento veniva posta in essere con metodi tradizionali, oggi in un contesto di graduale realizzazione di federalismo fiscale e con la disponibilità di strumenti informatici, che consentono la realizzazione e la condivisione  a livello nazionale delle banche dati, il ruolo del comune sulla lotta all’evasione fiscale diventa determinante e non più prorogabile. In questo contesto, che deve trovare ancora una declinazione concreta dei decreti legislativi,  l’ANCI e il sistema degli enti locali devono sapersi porre come protagonisti, suggerendo testi e soluzioni alle amministrazioni centrali, per la realizzazione di provvedimenti capaci di calarsi sulla realtà concreta dell’ente locale. In questo nuovo percorso, diviene necessario saper coniugare le innovazione normative con l’implementazione dei sistemi informatici, per garantire un continuo interscambio tra l’Ente Locale e le Autorità Centrali. In questa logica i progetti ELIS-CAT e ELIS-FIS sono punti di riferimento di estremo interesse.

Maurizio Leo Assessore al Bilancio e allo Sviluppo Economico - Comune di Roma Vedi atti

Atti di questo intervento

566_maurizio_leo.mp3

Chiudi

Zaffi Borgetti
Presentazione del convegno “ELI-CAT/FIS Strumenti integrati di governance intelligente”

Gianpiero Borghetti introduce e coordina il convegno “ELI-CAT/FIS. Strumenti integrati di governance intelligente”. Il convegno si articola su due fasi: un prima parte istituzionale, in cui verranno analizzati i temi e l’inquadramento normativo toccati verticalmente dai progetti ELI-CAT, ELI-FIS e FED-FIS, e una seconda parte, di stampo tecnico-pratico, in cui verranno presentati i sistemi informativi realizzati dai progetti con particolare attenzione alla loro utilità a livello locale e nazionale.

Gianpiero Zaffi Borgetti Responsabile Dipartimento Innovazione Tecnologica - ANCI Vedi atti

Federalismo fiscale ed enti locali: una nuova Governance delle entrate

Bartolini
La politica delle entrate: un elemento critico per il futuro dell’economia degli enti locali

I cambiamenti introdotti dalla riforma del titolo V della Carta Costituzionale e dalla recente legge di attuazione del federalismo fiscale consentono alle amministrazioni di poter disporre di autonomia e risorse per poter autodeterminare in modo consistente i destini delle collettività amministrate. Negli ultimi anni si è assistito ad un trend negativo di efficienza da parte del governo nazionale, per cui gli enti locali, oggi, si trovano nelle condizioni di dover attivare politiche differenti: dovranno necessariamente garantire un ulteriore recupero di efficienza dei propri servizi tributari per poter continuare ad erogare gli stessi servizi che garantiscono alle loro comunità. Il principio di responsabilità politica, infatti, rafforzata dalla legge 42/09, ha segnato la fine delle logiche di tipo assistenziale e di concetti come la “spesa storica” che spesso non hanno valorizzato l’azione amministrativa degli enti più virtuosi. All’ente locale si prospetta un futuro nel quale il reperimento delle risorse pubbliche e il potere di spesa, che per tanto tempo sono state entità disgiunte, andranno sempre più avvicinandosi, procedendo di pari passo. Spetterà alle amministrazioni locali porre in essere un’azione amministrativa efficace ed efficiente che consenta la valorizzazione di imprese e famiglie e l’abolizione di cattive gestioni della cosa pubblica. I Progetti ELIS-FIS, ELIS-CAT e FED-FIS  rappresentano il punto di riferimento del nuovo agire dell’amministrazione locale.

Renato Bartolini Assessore Innovazione PA e ICT - Comune di Terni Biografia Vedi atti

Nato a Terni nel 1977.
E’ stato consigliere del Comune di Terni nella legislatura 1999-2004 e nella legislatura 2004-2009 ricoprendo gli incarichi di Presidente del Gruppo Consiliare “DL-Margherita” e di Presidente del Gruppo Consiliare del “Partito Democratico”.
Attualmente è membro della Commissione Nazionale dell’ANCI sull’Innovazione, rappresentante nazionale del dipartimento innovazione dell’AICCRE (Sezione Italiana del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa) e membro della Commissione CCRE (Council of European Municipalities and Regions) sulla Società dell’Informazione.
E’ dirigente di un’azienda privata ternana.

Chiudi

Atti di questo intervento

561_renato_bartolini.mp3

Chiudi

Gioiellieri
Piattaforme centrali e piattaforme unitarie: il ruolo dell’ANCI nazionale nella discussione politica

In un ottica di attuazione del federalismo fiscale è necessario difendere la relazione tra la ricostruzione del processo di digitalizzazione edilizia, con la relativa banca dati affidabile ed aggiornata, con le opportunità che queste offrono ad una azione fiscale efficace. Legare troppo i progetti ELIS-FIS, ELIS-CAT e FED-FIS solo agli aspetti fiscali non permette di mettere in evidenza le potenzialità derivanti dall’integrazione dei sistemi informatizzati: un’efficacie azione fiscale può svolgersi solamente se le parti interessate, gli enti locali in primis e a seguire il governo centrale, pongono in essere un’azione coerente e integrata.  In questo contesto diviene dunque una necessità cercare di comprendere quali siano le strategie e le soluzioni possibili per dirigere il Paese verso l’attuazione di una azione fiscale che sia quanto più omogenea in tutto il territorio. Di primaria importanza è la definizione di uno standard comune che possa rappresentare  il punto di riferimento delle azioni amministrative locali in un ottica di unificazione, ma che allo stesso tempo si presenti come modello flessibile capace di adeguarsi alle necessità di una realtà locale diversificata. E’ dunque necessario definire se i sistemi applicativi debbano presentarsi come piattaforme centrali con uno standard unico per tutte le realtà, che possano poi declinarsi alle differenti esigenze locali, oppure delle piattaforme unitarie realizzate per vestire le necessità del territorio locale che siano in grado tuttavia di integrarsi per una utilità a livello nazionale.

Antonio Gioiellieri Direttore - ANCI Emilia-Romagna Vedi atti

Atti di questo intervento

562_antonio_gioiellieri.mp3

Chiudi

Confalonieri
Federalismo Fiscale ed Enti Locali: il ruolo delle Regioni

In un contesto di attuazione del federalismo fiscale, le regioni si trovano tra l’incudine e il martello: si trovano cioè tra il modello di uno stato che vuole trasferire le competenze ma non il potere della conoscenza e i comuni che, avendo l’obbligo di svolgere delle funzioni, chiedono supporto e coesione dalle regioni stesse. La maggior parte delle regioni italiane, infatti, non è costituita da comuni avanzati e forti per esperienza e competenza, bensì da comuni spesso poveri, montani sottopopolati che necessitano di raggiungere la qualità minima di servizio, dove per qualità minima si intende la qualità necessaria per garantire la sopravvivenza del servizio. In questo contesto è dunque necessario stabilire e definire il ruolo che deve essere svolto dalle regioni.  I risultati della filiera ELISA sono di fondamentale importanza per definire i tre assi portanti sul quale la regione deve articolare il proprio intervento: 1) il dispiegamento, ovvero la regione deve essere di supporto ai comuni nella loro attività di integrazione e di cooperazione; 2) sviluppo di una organizzazione fondata sulla conoscenza istituzionale, necessaria per sfruttare al meglio le opportunità degli strumenti a disposizione, nella relazione di coesione tra le diverse realtà territoriali; 3) indagare e realizzare una aggregazione delle necessità e delle richieste di tutte le realtà territoriali in modo da presentare un fronte compatto, efficiente ed efficace, di fronte al governo centrale, al fine di mantenere con esso una relazione fondata su un modello paritetico.

La costruzione di sistemi che consentono la condivisione di flussi informativi relativi alla finanza all’edilizia e al sistema di governance, si presenta come strumento irrinunciabile per affrontare i cambiamenti richiesti dall’attuazione del federalismo fiscale.

Corrado Confalonieri Regione Liguria Vedi atti
Cammarata
Banche Dati e fiscalità: la condivisione dei dati diventa centrale

I progetti ELIS-FIS, ELIS-CAT  spesso vengono visti principalmente come strumenti per la lotta contro l’evasione fiscale, ma l’obiettivo più importante e fondante di tali progetti è rappresentato dalla lotta all’elusione fiscale. Lo strumento, alla base del raggiungimento di questo obiettivo, è la realizzazione di banche dati che siano ordinate, complete, integrate e sottoposte a continui aggiornamenti attraverso meccanismi automatici. Un sistema di banche dati così organizzato permette indirettamente il raggiungimento di un altro principio che dovrebbe caratterizzare l’azione amministrativa: la semplificazione. Con un sistema di banche dati organizzate, integrate e continuamente aggiornate, l’ente locale ha a disposizione tutti i dati necessari per la fiscalità, trovandosi così nella posizione di non dover più chiedere al contribuente nessun ulteriore adempimento. La semplificazione derivante da un sistema di questo tipo si presenta anche come una opportunità in ambito immobiliare per la gestione della totalità della fiscalità: contributi erariali e contributi agli enti locali. Il problema posto all’attenzione da Mauro Cammarata, in questo contesto, è l’impossibilità per gli enti locali di avere a disposizione le banche dati complete dei contribuenti, per cui l’ente locale, pur avendone gli strumenti, si trova nella posizione di non poter riscuotere a causa del negato assenso alla concessione delle informazioni sul contribuente da parte del governo centrale. In vista di un processo di attuazione del federalismo fiscale e alle direttive europee che ci imporranno dei rompere il monopolio di Equitalia per la riscossione dei tributi, il problema della realizzazione delle banche dati e della condivisione dei dati in esse contenute si fa centrale.

Mauro Cammarata Direttore Settore Entrate e Finanze - Comune di Bologna Biografia Vedi atti
Laurea in Economia e Commercio - indirizzo Aziendale –1988 - Università di Bologna - voto 110/110.

Chiudi

Atti di questo intervento

558_mauro_cammarata.mp3

Chiudi

Dimostrazione pratica dei principali servizi sviluppati

Artioli
Gian Paolo Artioli Esperto del Gruppo Tecnico di progetto - ELI_FIS ELI_CAT
Casula
Presentazione pratica di anagrafe immobiliare

Enzo Casula effettua una presentazione pratica di una baca dati fondata su fogli catastali del Comune di Bologna.

Enzo Casula Responsabile di progetto per RTI - Engineering spa / Sinergis spa Vedi atti

Atti di questo intervento

567_enzo_casula.mp3

Chiudi

Rossi
Anagrafe Comunale degli Immobili: il progetto ELI-CAT

Alessandro Rossi presenta un modello di funzionamento dell’anagrafe comunale immobili.  Il modello presentato è nato dalla necessità di disporre a livello operazionale di un sistema che integrasse tutte le informazioni relative agli immobili. La realizzazione del modello non ha rappresentato solamente una implementazione informatica ma anche uno studio e un’analisi dei processi interni per poter comprendere le reali necessità e criticità nello svolgimento dell’attività amministrativa. A partire dall’analisi del modello precedente, che prevedeva una interrogazione a due soggetti, lo Stato come soggetto esterno e il Comune come soggetto interno, il modello proposto risolve l’inefficienza dovuta alla doppia interrogazione realizzando una banca dati – Anagrafe Comunale degli Immobili -  in grado di rispondere a tutte le interrogazioni, indipendentemente dal soggetto, ufficio o settore interrogante. L’anagrafe comunale degli immobili si presenta dunque come banca dati unica. Alessandro Rossi descrive le modalità con cui è stato realizzato il modello, le caratteristiche e i vantaggi.

Alessandro Rossi Responsabile di progetto - Sinergis DEDAGROUP ICT Network Vedi atti

Approfondimento dei singoli servizi/studi e delle problematiche organizzative

Ossandon
Conclusione della sessione pratica e apertura della sessione di approfondimento del convegno “ELI-CAT/FIS Strumenti integrati di governance intelligente”

Javier Ossandon conclude la dimostrazione pratica dei principali servizi sviluppati e apre la sessione di approfondimento dei singoli servizi e studi delle problematiche organizzative del convegno “ELI-CAT/FIS Strumenti integrati di governance intelligente”

Javier Ossandon Project Manager - ANCI/ANCITEL Vedi atti

Atti di questo intervento

571_javier_ossandon.mp3

Chiudi

Mineo
Anagrafe comunale immobiliare: il Comune di Bologna

In un comune di medie e grandi dimensioni l’aspetto da tenere in considerazione per l’implementazione di un a baca dati digitale è l’articolazione organizzativa che lo caratterizza e, in funzione a questa, realizzare e introdurre gli strumenti tecnologici. Stefano Mineo presenta le modalità con cui il Comune di Bologna ha realizzato e implementato una banca dati immobiliare.

Stefano Mineo Dirigente del Settore Informatica e Telecomunicazioni - Comune di Bologna Biografia Vedi atti
Laureato in Economia e Commercio presso l'Università di Bologna, ha conseguito un Master in Economia aziendale presso la Bologna Business School.
Per oltre 20 anni ha fatto parte del team che ha guidato la progettazione, lo sviluppo e la gestione di sistemi di informazione aziendale presso il Comune di Bologna.
Per più di 15 anni è stato responsabile di un'unità intermedia del settore ICT con il compito di garantire servizi IT agli utenti finali, coordinare progetti di innovazione per i servizi della comunità e per il funzionamento interno dell'istituzione e partecipare a progetti e gruppi di lavoro a livello nazionale.
Nella sua attuale posizione (Responsabile dell'unità Sistemi informatici) ha mantenuto la responsabilità di parte del portafoglio di applicazioni del Comune e il compito di gestire e sviluppare l'infrastruttura tecnologica del Comune, affiancandolo al ruolo di referente per il Comune per l'attuazione dell'azione "Digital Metropolitan City" all'interno della Metro PON.
 

Chiudi

Atti di questo intervento

574_stefano_mineo.mp3

Chiudi

Gambino
Dario Gambino Coordinatore enti toscani progetti elisa catasto e fiscalità - Comune di Fabbriche di Vallico (LU)
Corò
Il portale territoriale del contribuente e l’integrazione nel progetto ELISA. Il caso del Comune di Padova

Alberto Corò riporta le modalità con cui il Comune di Padova ha effettuato l’integrazione del Portale Territoriale del Contribuente nel progetto ELISA

Alberto Corò Dirigente Servizi informatici e telematici - Comune di Padova Vedi atti
Torna alla home