Torna a Eventi FPA

Programma Congressuale

Torna alla home

  da 10:00 a 13:00

Innovation without permission. Prospettive e sfide del government 2.0 [ D.02 ]

(In collaborazione con la Provincia di Milano)

Il government 2.0 e' evoluto da un trend quasi clandestino ad un elemento centrale delle politiche di innovazione pubblica a livello globale. Per la pubblica amministrazione, non si tratta di avere una presenza su facebook od aprire un blog, ma di sviluppare capacita' di individuare ed aprirsi a contributi ed intelligenze esterne, soprattutto per rispondere alle sfide piu' difficili.
 
L'innovazione pubblica, proprio come la creativita' individuale, non richiede piu' necessariamente investimenti enormi ed autorizzazioni gerarchiche: il web rimuove le barriere all'entrata e permette agli innovatori di agire "without permission", fuori e dentro al pubblica amministrazione.
 
David Osimo traccera' un primo bilancio dei risultati raggiunti, delle lezioni apprese e delle promesse non mantenute. Partendo dalle esperienze piu' avanzate, verranno proposti sia spunti di riflessione che strumenti concreti di azione in una realta' come quella italiana in cui il government 2.0 pare ancora lontano dal realizzarsi. 
 
A seguire il Keynote di Osimo, il contributo di relatori che approfondiranno potenzialità e problematicità legate ai temi trattati.
 
Coerentemente con il tema affrontato, largo spazio sara' lasciato alla discussione, sin da prima dell'evento: dal 15 al 30 aprile e' attivo un forum in cui sottoporre domande specifiche su Google Moderator. Se vuoi sapere tutto sullo ZOOM Amministrare 2.0 clicca QUI

Programma dei lavori

Key note speech

Osimo
Si puo' fare 'innovazione senza permesso'? Government 2.0 fra retorica e realtà
L'innovazione pubblica non richiede piu' necessariamente investimenti enormi ed autorizzazioni gerarchiche: il web rimuove le barriere all'entrata e permette agli innovatori di agire "without permission", fuori e dentro la pa. David Osimo traccia un primo bilancio dei risultati raggiunti, delle lezioni apprese e delle promesse non mantenute. Partendo dalle esperienze piu' avanzate, propone spunti di riflessione e strumenti concreti di azione per la realtà italiana.
David Osimo Esperto di government 2.0 e direttore Tech4i2 limited Biografia Vedi atti

David Osimo e’ socio fondatore di Open Evidence, uno spin off della Universita’ Aperta della Catalogna nato nel 2013. In precedenza ha fondato Tech4i2 ltd, e lavorato nel Centro Comune di Ricerca della Commissione Europea (JRC IPTS) ed alla Regione Emilia Romagna. Ha 20 anni di esperienza come consulente su politiche nell’innovazione e ICT, in diversi contesti: pubblico e privato, locale e internazionale. E’ conosciuto in particolare per la ricerca pionieristica svolta sul government 2.0, che segue dal 2005, ma ha pubblicato articoli e report in Europa e Stati Uniti su temi quali governo del futuro, procurement pubblico, nuovi modelli di innovazione, politiche della ricerca, benchmarking della societa’ dell’informazione. E’ un apprezzato oratore a conferenze internazionali e come “hacker di politiche pubbliche” e’ consulente di Commissione Europea e Nazioni Unite: ha gestito l’online engagement della Digital Agenda Assembly negli ultimi tre anni; coordinato tre studi per la Commissione Europea sull'open government; promosso la Open Declaration on European Public Services; ha disegnato inducement prizes come il premio INCA (Innovative and Creative Applications www.inca-award.be) ed Ideamocracy.it . Il suo blog e’egov20.wordpress.com e su Twitter e’ @osimod.

Chiudi

Intervengono

Belisario
Ernesto Belisario Studio Legale E-Lex Biografia

Avvocato, specializzato in diritto amministrativo ed esperto di diritto delle tecnologie. Ha scritto i libri “La nuova Pubblica Amministrazione Digitale”, “Diritto tra le nuvole: profili giuridici del cloud computing” ed è coautore – tra gli altri – dei testi “I siti web delle Pubbliche amministrazioni” e “Come si fa open data”. È stato Vice Presidente dell’Associazione “Digital Champions” e Segretario Generale dell’Istituto per le Politiche dell’Innovazione.

Chiudi

Morando
Un'informazione pubblica aperta e riusabile: motore di innovazione fuori e dentro la PA

“Dalle  previsioni del tempo a servizi specifici per l'agricoltura, dall navigazione alla cartografia: i  dati sono usati più  spesso e per creare più valore aggiunto di quanto molti pensino.” Da qui parte l’intervento di Federico Morando, che lascia intravvedere le molteplici opportunità sociali ed economiche di una PSI “aperta" e affronta le questioni “pratiche” del come rendere disponibili le informazioni in formato aperto.

Federico Morando Managing Director & Research Fellow - NEXA Center for Internet & Society, Politecnico di Torino - DAUIN Biografia Vedi atti

Federico Morando (Novi Ligure – AL, 1980) è managing director del Centro di Ricerca NEXA su Internet e Società del Politecnico di Torino – DAUIN. I suoi interessi di ricerca si concentrano sull’analisi – con approccio law&economics – dell’intersezione tra diritto della proprietà intellettuale e della concorrenza, con focus sui mercati delle nuove tecnologie e del software in particolare.

Dall’a.a. 2006/2007 è  docente a contratto all’Università Bocconi di Milano, dove ha insegnato diritto della concorrenza, diritto industriale e, in particolare, il corso progredito di diritto dei beni immateriali presso la laurea specialistica in “Economics and Management in Arts, Culture, Media and Entertainment”.

Nel 2004 si è laureato all’Università Bocconi in Scienze economiche, statistiche e sociali; ha poi conseguito un Master in “Economic Theory and Econometrics” presso l’Università di Tolosa (Francia) ed un dottorato in Analisi comparata dell’economia, del diritto, delle istituzioni, presso il Collegio Carlo Alberto (Università di Torino), in co-tutela con l’Università di Gand (Belgio).

Chiudi

Torna alla home